Tinder

Copertina del libro con il disegno di un lupo bianco
Tinder / Sally Gardner – Rizzoli, 2015

Otto riesce a sfuggire alla Morte sul campo di battaglia grazie all’intervento di un essere quasi fatato che, dopo essersi preso cura della sue ferite, gli predice il futuro e gli fa dono di alcuni dadi che gli serviranno per orientarsi durante il viaggio. Abbandonato l’uomo-bestia, il ragazzo riprende il cammino, incontrando poco dopo, nel fitto della foresta, un giovane in fuga da un gruppo di briganti che l’avevano preso in ostaggio. Con grande sorpresa Otto scopre ben presto che il giovane è in realtà una splendida fanciulla di nome Safire, di cui si innamora perdutamente.
Separati da alcuni cavalieri venuti in cerca della ragazza, Otto si mette sulle tracce della giovane deciso a trarla in salvo. Il suo lungo peregrinare lo porta fino ai cancelli di un misterioso castello, dove la dama del luogo, dopo avergli promesso aiuto per ritrovare Safire, lo convince a recuperarle uno strano acciarino custodito da tre lupi

Il talento letterario di Sally Gardner e i cupi disegni di David Roberts danno vita a questa nuova versione de “L’acciarino magico” dello scrittore danese Hans Christian Andersen. La tormentata figura di Otto, con le ferite e le cicatrici che il conflitto gli ha lasciato addosso, diventa simbolo di tutti i soldati sopravvissuti alla ricerca di una redenzione dalle atrocità compiute in guerra.

“Una volta, in tempo di guerra, quando ero un soldato dell’Esercito Imperiale, vidi la Morte camminare. Portava sul teschio una corona avvizzita fatta di ossa e biancospino fresco attorcigliato. […] alle sue spalle si stringevano gli spettri dei miei commilitoni di recente strappati, ancora giovani, alla vita. Molti li conoscevo per nome.”

Prenotalo in biblioteca

Commenta le storie