Davì

copertina del libro che mostra un volto con gli occhi chiusi
Davì / Barbara Garlaschelli – Camelozampa, 2013

Davide, detto Davì, ha alle spalle un passato doloroso. La madre se n’è andata di casa quando lui aveva dieci anni e non si è mai sentito amato dal padre. Per questo sceglie di condurre una vita on the road in completa solitudine. Davì attraversa ogni giorno la città, con il suo abbigliamento da punk e una vistosa cresta di capelli verdi. Le persone che lo incrociano vengono colpite dal suo aspetto in apparenza aggressivo. Ma colgono anche qualcosa di speciale nei suoi modi e nel suo sguardo. Davì è infatti gentile, sensibile e ama molto leggere libri. Soltanto due bibliotecarie riescono a comunicare con lui aiutandolo come possono e dandogli dei consigli.
Un giorno Davì incontra Nicla, una ragazza minorenne fuggita da casa, e decide di condividere con lei la sua strana esistenza. Nel suo cuore comincia così a nascere un forte sentimento mai provato prima.

A molti anni di distanza dalla prima pubblicazione (casa editrice EL, collana “Le frontiere”), il romanzo viene riproposto in una nuova edizione mostrando ancora una volta tutto il suo valore e l’attualità dei temi trattati. Il percorso di Davì è fuori dagli schemi, ma in esso si rintracciano tutte le necessità e i drammi della crescita: la ribellione, la ricerca della propria libertà e identità attraverso il confronto non sempre facile con gli adulti.

Prenotalo in biblioteca

Leggi

Wok / Francesco Carofiglio

Commenta le storie