L’alba sarà grandiosa

L’alba sarà grandiosa / Anne-Laure Bondoux – San Paolo, 2018

Nine è pronta per la festa più esclusiva del liceo, quando la madre Titania decide che è venuto il momento per lei di conoscere le grandi verità nascoste della famiglia. Trascinata via dopo l’allenamento in piscina, la ragazza non ha scelta e nonostante sia avvezza a queste estemporanee della madre, non si arrende facilmente alla situazione.
Dopo cinque ore di viaggio, le due si trovano davanti ad una casa isolata, ai bordi di un laghetto sperduto tra le montagne, senza campo per il cellulare. Titania, che nel frattempo le ha svelato il suo vero nome, Consolata, inizia una lunga nottata di racconti e illustra alla giovane figlia le peripezie della nonna Rose-Aimée, un’affascinante ed ambiziosa donna che negli anni ’70 è stata una madre fuori dagli schemi e molto moderna per la Francia del tempo. Nine scopre così di avere anche due zii gemelli, Octo e Orion, e che da lì a poche ore vedrà per la prima volta nella sua vita insieme alla nonna. L’atmosfera lacustre e la capanna faranno da scenario ai racconti, e la ragazza scoprirà infine il motivo dell’urgenza della madre, e la necessità di ritrovarsi col resto della famiglia.

Pagina dopo pagina si infittisce il mistero che accompagna i protagonisti del libro e dei racconti della madre di Nine. Storie di adolescenza, i timori della paura di crescere, il difficile confronto con gli adulti e alcune grandi delusioni, vengono snocciolate rendendo emozionante la narrazione.


Sembrava felice di evocare questo albero e la sua ombra, così l’avevo adottato anche io. Avevamo la scenografia, l’atmosfera e i personaggi. A quel punto, ognuno era libero di raccontare le sue vacanze come gli pareva, tutto sarebbe stato verosimile.

Prenotalo in biblioteca

Leggi

Katia viaggia leggera / Fabrizio Silei
Qualcosa c’inventeremo / Giorgio Scianna

Musica

Commenta le storie