Electric State

Electric State / Simon Stålenhag – Mondadori, 2020

 

La storie è ambientata in Usa nel 1997, al termine di una guerra vinta con l’utilizzo dei droni. Michelle, una ragazza diciannovenne, fuggita da casa con il suo piccolo robot giallo Skip, è in viaggio su un’auto con un fucile rubato e un kayak. Il territorio è cosparso da rovine di giganteschi droni da battaglia. Mentre l’auto si avvicina all’estremità del Continente il territorio circostante sembra sfaldarsi sempre più velocemente.

La ragazza è alla ricerca di qualcosa, e quel qualcosa si trova in una casa abbandonata dopo San Francisco, in una lingua di terra che entra nell’Oceano Pacifico.

La storia del viaggio si intreccia con flashback della vita della protagonista e del suo robottino prima della guerra dei droni, veniamo così a conoscere la sua famiglia e la sua vita prima di quello scenario post-apocalittico.

È presente anche una seconda voce narrante, che non si palesa e che sta parlando a qualcuno che noi non vediamo e che rende un po’ più complicata la trama del libro.

Il romanzo è costantemente intervallato da bellissime tavole illustrate digitalmente. Infatti il finale è affidato completamente alle illustrazioni.

Electric State, è il terzo artbook narrativo di Simon Stålenhag, artista svedese conosciuto soprattutto per le sue opere raffiguranti storie futuristiche e utopiche. Il libro è grande e pesante, ma ciò non deve scoraggiarne la lettura.


Una luce piccolissima è sufficiente a guidarti fuori dall’oscurità.

 

Prenotalo in biblioteca

Leggi

Io sono leggenda / Richard Matheson
Anna / Niccolò Ammaniti

Guarda

Io sono leggenda / Francis Lawrence

Il booktrailer

Commenta le storie