L’ultimo elfo

copertina del libro con l'immagine di un elfo tra gli le piante
L’ultimo elfo / Silvana De Mari – Salani, 2004

In una landa desolata, annegata da una pioggia torrenziale, l’ultimo elfo, solo e disperato viene salvato da due umani che, nonostante il divieto a frequentare gli elfi, pena la morte, lo accolgono e lo proteggono. Grazie alla misericordia di questi due umani l’elfo potrà crescere e potrà a sua volta prendersi cura di un drago che sta covando il suo piccolo. Una volta adulto porterà in salvo una ragazza e così facendo darà attuazione ad una antica profezia da cui dipende la salvezza dell’intero genere umano.

Attraverso l’uso del genere fantasy e con una scrittura ironica e leggera, l’autrice trasmette messaggi molto importanti. Il piccolo elfo Yorsh, con la sua maturazione e il suo diventare adulto, ci fa capire cosa significa crescere e cioè prendersi cura degli altri, assumersi la responsabilità delle proprie scelte e delle cose affidate alle nostre cure.
La condizione degli elfi narrata nel libro ci riporta inoltre ad un passato storico non troppo lontano e forse anche a riflettere su temi di grande attualità: braccati, imprigionati in riserve-ghetti, impiccati, sterminati dagli umani che ne hanno paura e li incolpano di ogni male, gli elfi hanno la sola colpa di essere diversi, possedere la magia, la sapienza, la saggezza.

Prenotalo in biblioteca

Leggi

L’ultimo orco / Silvana De Mari
Il ritorno del cantore / William Nicholson

Commenta le storie