Lady

Copertina del libro con l'immagine di una ragazza seduta per terra con indosso un cappello da baseball
Lady / Melvin Burgess – Mondadori, 2002

Sandra ha diciassette anni, vive con la madre ed il fratello minore. I genitori si sono separati quando lei era piccola e da allora il padre si è trasferito in America dove si è ricostruito una vita ed una nuova famiglia. Sandra è un’adolescente come molte altre; ribelle non accetta le regole imposte dalla madre, da qualche tempo ha smesso di studiare ed ha abbandonato le amicizie di sempre per frequentare compagnie poco raccomandabili. Per uno strano scherzo del destino, un giorno, mentre cammina per la strada con il suo ragazzo, incontra un vagabondo, si scontrano, hanno un litigio e lui la trasforma…in un cane. Sandra ha una nuova identità ed un nuovo nome: Lady; per lei ora si pone un grande interrogativo: cercare di ritornare ad essere un’umana, omologandosi alla società, o abbandonarsi alla vita istintiva, che la nuova identità di “cane” le offre?

La storia è molto coinvolgente e l’elemento della trasformazione fisica della protagonista in un cane rende perfettamente il concetto di cambiamento. Vengono così affrontate molte delle tematiche e degli interrogativi che si pongono gli adolescenti: il bisogno di cambiamento, il disagio di dover accettare delle regole e la difficoltà di confrontarsi con i genitori e con la società. Anche l’animale stesso in cui viene trasformata, un cane randagio, esprime la diversità, il vivere senza regole basandosi solo sul proprio istinto.

Prenotalo in biblioteca

Commenta le storie