Gli squali

Gli squali / Giacomo Mazzariol – Einaudi, 2018

Max frequenta l’ultimo anno di liceo in una cittadina veneta. Con i suoi migliori amici, quelli con cui passa la maggior parte del tempo fin dai tempi dell’asilo, Filippo, Anna, Beatrice e Andrea, sta programmando le vacanze in giro per l’Europa per vivere al meglio l’estate dopo la maturità. Un evento imprevisto però cambia radicalmente i suoi piani: da appassionato di informatica, Max crea un algoritmo ed una App che riscuotono un discreto successo, tanto da procurargli un contatto con un’azienda molto innovativa situata a Roma.

In men che non si dica, la vita di Max si assesta su binari del tutto nuovi: una nuova città dove vivere, nuove amicizie, nuove preoccupazioni e molte responsabilità. Appena può il giovane fa ritorno nel suo paese, per star vicino alla famiglia alle prese con progetti difficili da portare a termine, e soprattutto per non staccarsi dallo storico gruppo di amici, la cui coesione è messa a dura prova dai cambiamenti in arrivo. In tutto questo, Max è indeciso se iscriversi all’università o continuare a lavorare nel mondo dell’informatica.

Le aspettative di vivere un’estate all’insegna del solo divertimento si trasformano rapidamente in preoccupazioni, pensieri e interrogativi. Una storia di formazione che si svolge lungo solo pochi mesi, nei quali il protagonista vive passioni e incomprensioni, eccitazioni e delusioni, la sua prima storia d’amore e i primi allontanamenti dalle persone più care. Un romanzo genuino, fresco, pulito, come le vite dei personaggi.

La storia di Max non è dissimile da quella vissuta in prima persona dall’autore, catapultato in un futuro del tutto nuovo in seguito alla pubblicazione del primo fortunatissimo libro (Mio fratello rincorre i dinosauri).

Squali, ecco cosa eravamo, ecco cosa dovevamo essere. Animali capaci di scivolare in un mondo che aveva perso solidità, che era diventato instabile. Nulla mi suonava negativo in quella parola usata per descriverci: squali. Non eravamo crudeli, solo affamati. Non eravamo impazienti, solo non potevamo restare immobili

Prenotalo in biblioteca

Leggi

Ombre sulla sabbia / Aidan Chambers

Commenta le storie